Category Pensieri sparsi

Favole di altri tempi. Favole reali.

Favole di altri tempi. Più belle di qualsiasi favola che possano averci mai raccontato. Vorrei raccontarvi di una storia d’amore bellissima; di una storia d’amore che ho avuto il piacere di conoscere e che, tutte le volte che ci penso, mi fa commuovere. Loro si sono conosciuti quando lui faceva il militare, almeno vent’anni fa. Erano nella stessa compagnia. E lei era fidanzata. Lui, però, era un ragazzo troppo rispettoso

Continue reading…

Bambini in prigione

  Bambini in prigione non è il titolo di un film, purtroppo. Bambini in prigione è una triste realtà.  In Italia, cinquantotto bambini sotto i tre anni, vivono dietro le sbarre, insieme alle loro madri. Donne giovanissime, o meno giovani, che hanno commesso un errore, indubbiamente. Quello che mi chiedo, però, è perché quell’errore debba essere pagato anche da chi non c’entra. Anche da chi ha l’età  per correre nei parchi, per respirare a

Continue reading…

Le 103 cose che mi mancano di te

La sfumatura verde dei tuoi occhi Il tuo modo di sorridermi Gli abbracci appena ti svegli Il modo in cui mi cerchi, e non te ne accorgi, mentre dormi Lo sguardo assonnato appena sveglio I tuoi capelli senza gel al mattino I tuoi capelli con il gel Il modo crucciato che hai di accendere la TV mentre facciamo colazione Il tuo giocare in casa con quella (brutta) pallina nerazzurra Lo

Continue reading…

Amate fortissimo

Amate fortissimo. Con tutto l’amore che sentite dentro di voi. Fino a scoppiare, fino ad essere incapaci di distinguere se quell’amore che sentite, fa parte di voi o se siete voi stessi ad essere amore. Anche se poi dovrete pentirvi di tutto quell’amore. Amate a dismisura. Ad oltranza. Anche quando tutto vi si ritorcerà contro. Anche quando vi diranno che è la persona sbagliata, che quell’amore andrebbe riposto diversamente, scandito

Continue reading…

Cara Anna

Mia cara Anna, perdonami la mania di metterci le cose scritte, in ogni modo, in ogni cosa. Ti scrivo perché mi viene un po’ più facile, un po’ più semplice. Forse un pochettino meglio di quello che ti dico a voce. Oggi ho pensato che tutto questo grigiume del cielo sia dovuto al treno che prenderai domattina. Se ci pensi, il tempo è brutto da quando hai fatto il biglietto. Vorrei poterti

Continue reading…

Sono pronta

Sono pronta. Anche se non so bene il perché; non so neanche se sia il caso di metterlo per iscritto. Ma imparerai a conoscermi, ed imparerai che, io, seppur goffamente, con le parole messe nere su bianco, me la cavo un po’ di più. Ti dico che sono pronta ma ti assicuro che è un qualcosa di non calcolabile. Non si può decidere di essere pronti e basta. Questo lo

Continue reading…

Non limitatevi ad esistere.

Posso dirvi con finta presunzione che non c’è tempo. Che non è mai abbastanza, che fugge via troppo veloce, troppo di fretta, troppo sulle sue. E non lo fermi. Neanche con tutto l’impegno del mondo, non si può. E va bene progettare, va benissimo, ma ritagliatevi un po’ di momenti, un po’ di spazio, per vivere alla giornata. Perché spesso c’è più felicità in qualcosa che succede all’improvviso, piuttosto che in

Continue reading…

Se fossi un uomo

Se fossi un uomo mi impegnerei per dare la giusta importanza alle parole pronunciate. Cercherei di farle quadrare tutte, dar loro un giusto filo logico da seguire. Mi impunterei per essere coerente. Ad ogni modo, in ogni caso, anche quando mi ritroverei ad esser l’unico a pensarla in una certa maniera. Se fossi un uomo mi piacerebbero le donne che si truccano a stento; quelle incapaci di distinguere una BB-cream da

Continue reading…

Posso lasciarti andare

Non ero pronta. Oggi, lo so. Per questo ti ho perdonato cose imperdonabili. Ti ho perdonato tutto quello che, probabilmente, nessuno riuscirebbe a perdonare mai. Non l’ho fatto per mancanza di orgoglio, di dignità o spina dorsale. Ce l’ho un carattere, e tutti quei perdoni e quelle mancanze, volta per volta, annientavano un po’ di quel che ero, ed anche un po’ di quello che sarei voluta diventare. Ma era

Continue reading…

Voglio essere single, ma insieme a te

Voglio che tu esca a bere una birra con gli amici. Voglio che, nel pieno dei postumi di una sbornia, mi chieda di raggiungerti perché desideri stringermi tra le braccia e voglio accoccolarmi accanto a te. Voglio che, appena sveglio, parli con me di tutto quello che ti passa per la testa ma che ti senta libero di fare dei piani diversi per il resto della giornata. Io farò altrettanto.

Continue reading…

Facebook