Scrivimi.

Scrivimi, che io non sono brava con le parole sussurrate, né coi bisbigli e i discorsi lunghi.
Preferisco leggerlo quello che vuoi dirmi. E non ti fidare quando dico che gli uomini sono stronzi,
che potrebbero catalogarli e mandarli su Marte.
Non ti fidare quando dico che è tutto a posto, che va tutto bene.
Ascoltami, perché io ho il terrore di chi non ascolta. Andiamo a mangiare fragole, in riva al mare,
con una bottiglia di vino bianco con le bollicine.
E non ti preoccupare se, due bicchieri dopo, starò ballando e ridendo, a piedi nudi senza un reale motivo. 
Sottolinea i miei errori con la dolcezza, non con la penna rossa degli insegnanti delle elementari.                

Lasciami correre, quando avrò bisogno di spazio, perché se dovesse capitare di sentirmi senza via di fuga farei il possibile per evadere.  Tu, lasciami correre, che mi serve solo per capire che mi fido, che sto bene.                

Lasciami correre, tanto non andrei in nessun posto se non fossi convinta di ritrovarti.      

Gin.     

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                             

0

Leave A Comment

Facebook