Tag futuro

Sono pronta

Sono pronta. Anche se non so bene il perché; non so neanche se sia il caso di metterlo per iscritto. Ma imparerai a conoscermi, ed imparerai che, io, seppur goffamente, con le parole messe nere su bianco, me la cavo un po’ di più. Ti dico che sono pronta ma ti assicuro che è un qualcosa di non calcolabile. Non si può decidere di essere pronti e basta. Questo lo

Continue reading…

Buon nuovo anno

Le cose che vanno e le cose che restano; i conti di fine anno, la voglia di credere che tutto cambierà, e chissà, poi, se tutto cambierà sul serio. È solo un numero, un nuovo mese che inizia, un calendario che riparte. Sei tu che decidi se cambierà qualcosa, non l’ultimo dell’anno, non le lenticchie, non i fuochi d’artificio. E allora non ci pensare a quello che è stato, è

Continue reading…

Ho amato, ma non dimentico.

Non lo so se mi ci vedo con qualcuno che mi somiglia; nonostante mi ripetano che non si sta bene con qualcuno ch’è troppo diverso da noi. Davvero, io non lo so. Ma proprio non mi ci vedo con qualcuno che, come me, si imparanoia per un nonnulla, con qualcuno che fa i disegni sullo specchio appannato, dopo la doccia, cancellando gli aloni dei cuoricini sbilenchi e deformi che disegno ogni volta. Non mi ci

Continue reading…

Alla bambina che avrò; forse, un giorno, chissà.

Avremo le bolle di sapone, anche se è marzo ed il tempo è un po’ sul chi va là; anche se farà freddo e rischieremo il raffreddore. Ci giocheremo giusto un po’, giusto quel che basta, poi doccia calda e tazza di cioccolata.  Avremo una stanza dei giochi piena di blu, che lo so che non è un colore propriamente femminile,  ma non è che uno il colore preferito lo sceglie in

Continue reading…

Chi non rischia non beve lo spumante

Vorrei scrivere tante cose, ma forse la cosa più giusta da fare, quando hai tanto da dire, è restare zitto. O meglio, funzionerebbe con le persone normali, con me, no. Che poi io normale neanche mi ci sento. Credo di aver rivisto il mio ex ragazzo. Quello che mi ha trattata come se fossi un gioco nuovo, di quelli belli, carini, che ci giochi un sacco, prima di annoiarti, stufarti;

Continue reading…

Dopo di lui mi sono amata un po’ di più.

Dopo di lui mi sono amata un po’ di più, ho sorriso un po’ di più, ho anche pianto un po’ di più; mi sono iscritta a corsi ed eventi che mai avrei pensato mi interessassero.   Ho comprato una tessera per il treno, ed ogni tot di viaggi te ne regalano qualcuno. Ho visto posti, persone e cose, dopo di lui. E ho imparato e conosciuto tante novità. Dopo di lui, la notte,

Continue reading…

Forse un giorno ci incontreremo.

Piove da così tanti giorni che, stamattina, ho addirittura pensato che forse non smetterà più. Quando sembra aver smesso, passano una manciata di minuti e ricomincia. Senza tuoni, senza lampi, solo pioggia. A me non piace la pioggia, mi fa venire sonno. Mi fa venire fame. Mi fa ricordare. Credo che la pioggia abbia un dono: ritrova perfino i ricordi archiviati. Quelli che accantoni sperando di non rivedere più. Io,

Continue reading…

Mi trovi lì, a costruire origami

Mi trovi lì tra i bicchieri usati come portapenne  e le candele alla vaniglia, tra le vecchie fotografie che fanno da segnalibro alle mie letture, di tutti quei libri che inizio, lascio a metà, fino a che non trovo quello che mi coinvolge di più. Mi trovi a ricalcare lettere fatte col pongo, che metto nel freezer per farle indurire, e puntualmente le scordo. Le ritrovo quando ho voglia di ghiacciolo; tra quelle persone che per strada,

Continue reading…

Passerà, ovvio che passerà.

Sai, le solite parole di circostanza sono sempre le stesse. Nonostante delle volte, molte volte, siano zeppe d’affetto, son le stesse cose che ti direbbe anche un estraneo. Passerà. Ovvio che passerà. Ci penserai di meno, perché è normale che sia così.  Ti impegnerai di più, per non permettere ai momenti buco di riempirsi di gocce di nostalgia. E ti ri-innamorerai. Perché gli uomini e le donne sono nati per incontrarsi, per cullarsi, e

Continue reading…

Facebook