Tag Gin

Ho imparato

Ho imparato che le cose belle non si raccontano, non a chiunque; perché non tutti i sorrisi profumano di sincerità. Qualcuno lo fa solo per circostanza. Ho imparato che farsi dei programmi, compilare liste e tabelle, serve a ben poco. Se arriva un tornado, porta via tutto lo stesso. Anche se pensi di aver ancorato tutto. Anche se credi che, a te, proprio a te, non succederà mai. Ho imparato che

Continue reading…

Sii forte. Sii tua.

Per le volte in cui sei andata avanti lo stesso, fingendo di lasciare indietro una mancanza. Per le volte in cui hai messo toppe sui ricordi, lasciando che facessero capolino nella tua vita, nel momento meno opportuno. Per le volte che ti saresti rifugiata in un abbraccio, ma hai finto che non ti servisse, ma ti sei sentita forte ugualmente. Per le volte in cui nessuno avrebbe potuto capire cosa

Continue reading…

Amori a metà.

Non puoi tenerti accanto certi “amori” chi ti dice che non è pronto, che non ce la fa ad impegnarsi, che non è il momento giusto. Non ti puoi accontentare di amori a metà. Chi non è pronto non lo sarà mai. Chi ti fa piangere, non ti sta amando, perché se così fosse, si metterebbe seduto vicino a te, e piangereste per la stessa emozione, per lo stesso pensiero

Continue reading…

Storie, non sempre solo storie.

Una storia d’amore è un po’ come un bambino, lo vedi nascere, ci impari a convivere, lo nutri, lo proteggi, gli fai da scudo, faresti il possibile e l’impossibile per fare in modo che stia sempre bene, che sia sempre impeccabile, perfetto, nel giusto. Ci investi sentimenti,emozioni, energie. Lo tieni per mano, fiera di quel che è, e fiera di quel che ti ha fatto diventare. Quando ami sul serio,

Continue reading…

Mancanze, forse.

Non so dirti se ci sia un tempo prefissato per le mancanze, se ci passano tutti e poi, ciascuno, se ne fa una ragione, se il tempo che scivola, poi, tra la vita e le dita, serva seriamente a far da cerotto, o se invece sia solo un’impressione. Non ne ho idea. Seriamente. Posso dirti, però, che ci sono state sere, in cui la tua mancanza mi ha fatto gradualmente

Continue reading…

Non ho rimpianti.

C’è un posto, da qualche parte nella mia anima, dove ho conservato in ordine cromatico tutte le cose che non ti ho detto. Dalla più chiara, dalla più innocente, fino alle rosse, vive e forti, per finire alle nere, che son quelle brutte, quelle di cui mi sarei pentita, poi. Ti dico la verità: non vado mai a riprenderle, però so che sono lì, in qualche posto non del tutto spolverato.

Continue reading…

Resta solo il buono.

Io e lui siamo finiti così tante volte che, sinceramente, questa non mi sembra poi la più tragica. Sono certa, però, che sia la più consapevole. Abbiamo deciso, mesi fa, quasi di comune accordo, di prenderci una pausa. Non proprio così delicatamente come lo sto spiegando, ma vabbé, non importa. Alcuni giorni ho creduto che sarei impazzita, altri che non ce l’avrei fatta. Delle volte, diverse volte, ho riempito quaderni e fogli di frasi che avrei voluto urlargli

Continue reading…

Qualche anno fa

Un pomeriggio di qualche anno fa, quand’ero ancora una studentessa liceale, chiesi a mia mamma perché si dovesse stare così male per amore. Che senso avesse e perché mai dovesse succedere. Mia mamma ha sempre curato tutto con cioccolata e chiacchierate, e credo che non sarò mai capace di ringraziarla a dovere per questo. Lei mi rispose che sarebbe passato, che tanto passa tutto, prima o poi, perché nulla resta e tutto scorre. Mi disse che era normale, e che,

Continue reading…

Mi trovi lì, a costruire origami

Mi trovi lì tra i bicchieri usati come portapenne  e le candele alla vaniglia, tra le vecchie fotografie che fanno da segnalibro alle mie letture, di tutti quei libri che inizio, lascio a metà, fino a che non trovo quello che mi coinvolge di più. Mi trovi a ricalcare lettere fatte col pongo, che metto nel freezer per farle indurire, e puntualmente le scordo. Le ritrovo quando ho voglia di ghiacciolo; tra quelle persone che per strada,

Continue reading…

Ti devi innamorare.

Ti devi innamorare. È questo, solo questo, il punto. Tu non sei innamorata. E non t’innamori perché lo scegli, perché te lo imponi, t’innamori perché succede. E devi piantarla di frequentare gentaglia che non fa al caso tuo. Tu hai bisogno di qualcuno che non ti consideri folle. Hai bisogno di qualcuno che sappia di tutti i tuoi sbalzi d’umore, e che impari a riconoscerli per riuscire a trattenere più a lungo i momenti felici.

Continue reading…

Facebook