Tag ricordi

Il primo amore si scorda. Lo giuro.

Non sempre è un buon affare mettersi a fare le faccende di prima mattina. Dentro casa mia non c’è un solo granellino di polvere, ma ho ritrovato tante cose. Di quelle che nascondo bene, scatola dentro scatola, per non averle sotto gli occhi. E lo sapevo cosa c’era in quella scatolina grigia, nascosta nella confezione di un profumo. C’era un’altra scatolina. Bianca. Una fedina. Una fedina d’argento, ch’è buffo a

Continue reading…

I ricordi non sono persone

Le persone non sono ricordi. Non sono quel qualcosa che ricordiamo, non sono quel qualcosa che, delle volte, riaffiora nelle mancanze. I ricordi col tempo perdono i contorni, perdono veridicità; lasciano il posto a qualcosa che pesa un po’ di più. I ricordi, col tempo, tendono ad ammorbidirsi. Tendono ad essere belli. Soltanto belli. Come se il nostro trascorso con le persone con cui li abbiamo condivisi fosse stato totalmente

Continue reading…

Ho amato, ma non dimentico.

Non lo so se mi ci vedo con qualcuno che mi somiglia; nonostante mi ripetano che non si sta bene con qualcuno ch’è troppo diverso da noi. Davvero, io non lo so. Ma proprio non mi ci vedo con qualcuno che, come me, si imparanoia per un nonnulla, con qualcuno che fa i disegni sullo specchio appannato, dopo la doccia, cancellando gli aloni dei cuoricini sbilenchi e deformi che disegno ogni volta. Non mi ci

Continue reading…

Ci sono lettere d’amore che non vanno spedite.

Sono una fiera sostenitrice del carpe diem. Ho sempre pensato che le cose andassero dette, i pensieri svelati, i sogni appuntati su di un diario. Che non si sa mai: delle volte varrebbe la pena rileggerli. Oggi, però, casualmente, tra i vari, e spesso vani, tentativi di mettere in ordine la mia stanza, ho trovato una scatola. Una scatola di latta come tante, di quelle che mi piacciono un sacco, in

Continue reading…

Se si potesse, vorrei.

Vorrei che si potesse conservare la sensazione che si prova quando si stringe tra le mani un sacchetto di castagne bollenti, quando è dicembre, ed il freddo pizzica le guance, arrossandole. E l’odore del mare di settembre, quando i turisti sono tornati a casa, e in spiaggia non c’è quasi più nessuno. Quand’è mattina, e il sole è ancora assopito, in attesa della giornata che verrà. Vorrei che si potessero conservare i baci

Continue reading…

Facebook